Image Alt

Gazzetta di Mantova – Gioielli e solennità della scultura

Gazzetta di Mantova – Gioielli e solennità della scultura

Palazzo della Regione si apre alla scultura ospitando la mostra di Silvano Bulgari “Statue Titolate”. Promossa dal Comune di Mantova e organizzata dall’Associazione Culturale Art-Is e da Talentskout la rassegna propone l’incontro tra lo scultore e orafo italiano di firma internazionale e Pierpaolo Venier, che firma l’allestimento nel grande salone medievale.

Il salone si trasformerà, ancora una volta, in maniera suggestiva raccogliendo la proiezione di parole e fasci luminosi sul pavimento, come se si trattasse di una sorta di vocabolario o mega didascalia per ciascuna delle statue esposte.

Le opere sono create da Silvano Bulgari con una tecnica magistrale (ogni pezzo è un unicum, realizzato con l’antico procedimento della cera persa), in cui si fondono il ricordo della scultura classica e delle linee dell’Art Nouveau, passando per la lezione dei grandi maestri rinascimentali, dialogano con le nuove tecnologie.

Un palinsesto di stili, atmosfere e tecniche che solo apparentemente possono sembrare in contrasto tra loro. Sacro e profano coesistono nel percorso espositivo dell’artista da Crocefissi a figure femminili, da guerrieri a bambini.

“Ma come nascono le opere di Silvano Bulgari?” Quei gioielli che possiedono solennità della scultura e quelle sculture che rivelano la minuzia, la ricercatezza del gioiello? – si domanda Carlo Micheli critico d’arte dell’Ufficio Mostre del Comune di Mantova che ha curato la rassegna -. No, non immaginare un antro da alchimista, con pentoloni bollenti e strani intrugli dai colori improbabili emanati miasmi mefitici: quel demonio di Silvano Bulgari è un diavolo moderno, elegante, affabile, che ha compreso da tempo come la vera pietra filosofale sia l’arte stessa, il talento unico ingrediente capace di trasformare il metallo più vile in oro puro e dunque il suo processo creativo ha necessariamente connotazione meno aleatorie: culturali, letterarie, fantastiche”.

Cifre interpretative, schegge do senso, sono riflesse anche nei gioielli-scultura che fanno parte della produzione dell’artista. Il potere evocativo del titolo rimane immutato, ma le grandi stature in bronco si trasformano in sculture da indossare, veri e propri capolavori di arte orafa in cui Bulgari sperimenta, oltre alle pietre preziose e ai materiali più tradizionali, nuovi elementi come le meteoriti, con le quali ottiene risultati di grande raffinatezza ed eleganza. “Statue Titolate ” sarà inaugurata sabato alle 17 e resterà aperta fino al 21 giugno.

Orari: dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 ad esclusione del lunedì. L’ingresso è gratuito.

Post a Comment

info@silvanobulgari.it

Solo su appuntamento